Sommario

  • 21/09/2017 13:19 Rosatellum bis, collegi uninominali e sbarramento al 3%. Ecco la scheda elettorale - La Repubblica
  • 22/09/2017 04:04 N.Corea. Oceano, possibile test bomba H - Zazoom Blog
  • 21/09/2017 23:03 M5S, il giorno delle primarie. Votazioni prorogate fino alle 12 di domani - La Repubblica
  • 21/09/2017 22:50 Egitto, i legali dei Regeni: "Le autorità vogliono chiudere i nostri uffici" - TGCOM
  • 21/09/2017 19:26 Foggia, morta la 15enne ferita dall'ex della madre. "Era stato denunciato più volte" - La Repubblica
  • 21/09/2017 14:14 San Pietro, gendarmeria vaticana allontana i clochard - Il Messaggero
  • 21/09/2017 15:41 Papa a Bologna, il programma, i parcheggi e le modifiche al traffico: tutte le info sulla mobilità - Corriere della Sera
  • 21/09/2017 16:06 "Corruzione elettorale" Indagato il sindaco di Vittoria - Live Sicilia
  • 21/09/2017 21:09 LA MIGLIORE OFFERTA - Venerdì May a Firenze per presentare il suo "manifesto della Brexit" - L'Huffington Post
  • 21/09/2017 22:37 Terremoto in Messico: "Non ci sono più bambini fra macerie della scuola". Accertate oltre 270 vittime - La Repubblica
venerdì 22 settembre 2017
-

Bere tanto fa bene alla salute. Fino a qualche tempo fa erano sconosciute le relazioni intercorrenti tra la quantità di acqua assunta nel corso della giornata e l’umore.È la conclusione cui sono giunti alcuni ricercatori, americani e francesi, che hanno condotto uno studio in merito pubblicato su Appetite, una rivista che si occupa di nutrizione.

I ricercatori hanno scientificamente provato come la disidratazione possa influenzare in modo negativo non solo l’energia che le persone sono in grado di trasmettere, ma anche il loro umore. Gli studiosi, dopo aver valutato i cibi e le bevande assunte per cinque giorni consecutivi da 120 donne in buona salute, hanno osservato che chi beveva maggiori quantità di acqua totalizzava un punteggio migliore relativamente ad alcuni aspetti dell’umore quali tensione, confusione e depressione.

Nicola Sorrentino, esperto dell’Osservatorio Sanpellegrino e docente di Igiene Nutrizionale all’Università di Pavia ha spiegato che “Lo stress aumenta la necessità di fluidi circolanti, per mantenersi ben idratati d aiutare così il nostro benessere fisico e psicologico è utile bere acqua prima di avvertire la sete". Per non correre rischi di disidratazione e conseguenti sbalzi d’umore, occorre bere regolarmente e costantemente anche se non si avverte il senso di sete o prima di avvertirlo. L’acqua è l’ideale per mantenere il giusto livello di idratazione. Secondo gli ultimi studi, le donne dovrebbero assumerne 2 litri ogni giorno e gli uomini due litri e mezzo.

La maggior parte di questa quantità (circa l’80%) la si ricava dai liquidi assunti. Il 20% attraverso i cibi (frutta e verdura). Infusi, centrifugati, spremute e tisane e in generale tutte le bevande zuccherate vanno assunti solo in seconda battuta. Già qualche anno fa un altro studio aveva indagato le correlazioni tra liquidi assunti e umore, esaminando un gruppo di volontari di 50 persone, 25 uomini e 25 donne, di età media di 23 anni, che, ogni 28 giorni, si sono sottoposti a diversi test ed esperimenti mirati all’analisi del loro livello di disidratazione.

Inducendo, con l’attività fisica o con pillole diuretiche, una lieve disidratazione, intorno al 5,1 del valore di liquidi nell’organismo, hanno osservato le reazioni su vari indicatori come il livello di concentrazione, apprendimento, ragionamento, memoria e umore dei volontari, monitorandoli sia a riposo, quindi in condizioni di idratazione, che dopo mezz’ora o un’ora di esercizio fisico, quindi in condizione di carenza di liquidi nel corpo.

Diverse le reazioni nell’uomo e nella donna: gli uomini, infatti, hanno registrato forti sbalzi d’umore e difficoltà a livello di memoria, mentre le donne sono state soggette a stanchezza, mal di testa e difficoltà di concentrazione.