Sommario

  • 24/11/2017 08:00 This RSS feed URL is deprecated
  • 24/11/2017 06:39 Ostia, entra in pizzeria con il casco e fa fuoco: feriti il padre della titolare e un pizzaiolo - Rai News
  • 24/11/2017 06:30 Delitto di Sestri Levante, le tre strade per risolvere il giallo - La Repubblica
  • 23/11/2017 17:07 Sottomarino disperso, "l'anomalia acustica" è stata un'esplosione - La Repubblica
  • 23/11/2017 22:51 Barcellona. Un 34enne italiano è stato accoltellato a morte durante una lite - Rai News
  • 23/11/2017 19:30 Corea del Nord: 16 obiettivi nel mirino, da Casa Bianca a Tokyo - TGCOM
  • 23/11/2017 23:07 Milan-Austria Vienna 5-1: rossoneri qualificati da primi nel girone - La Gazzetta dello Sport
  • 23/11/2017 17:55 Milano, donna sgozzata nel parco di Villa Litta mentre passeggiava col cane. Ipotesi rapina - Il Fatto Quotidiano
  • 24/11/2017 06:01 Corsi d'oro e un tesoro all'estero Gli affari di famiglia dei Genovese - Live Sicilia
  • 23/11/2017 14:59 Di Maio: «Resto capo politico anche se perdiamo». E scrive una lettera aperta a Macron - Il Messaggero
  • 23/11/2017 17:07 Preside toglie la Madonnina dalla scuola: “È vietato dire le preghiere” - Vesuvio Live
venerdì 24 novembre 2017

24 Novembre

1870 In questo periodo sorse nella zona del Fol una filanda , una fabbrica di chiodi e all’Isola Bella una conceria. Nella zona si firmò lentamente un’importante concentrazione artigianale. Le fabbriche e le botteghe erano alimentate dall’energia idraulica dell’acqua delle rogge derivate dal torrente Canali. A Canal San Bovo fiorì un’industria di intreccio a paglia su iniziativa del Comune per ovviare al problema della disoccupazione. A Fiera fu aperta la fabbrica di liquori e sciroppi Carlo Weiss dove si produceva il “premiato Fernet Primiero”, una fabbrica di cappelli, una scuola per la produzione di merletti, il Caseificio sociale ed il “Forno Pellagra”. A Mezzano rivestì particolare importanza la Còpera, industria che prosperò per circa mezzo secolo e che produceva mattoni ed altri manufatti in argilla. A Siror fiorì la fabbrica di birra. Per la produzione veniva utilizzata l’acqua del Rio Valserena, mentre il luppolo e l’orzo venivano importati dall’Austria. La birra prodotta veniva commercializzata esclusivamente nel Primiero. Dopo la prima guerra mondiale l’attività cessò e l’attrezzatura fu ceduta alla Birreria Pedavena.

 

23 Novembre 25 Novembre