Sommario

  • 20/02/2018 12:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 20/02/2018 11:50 Terrorismo: 007, minaccia jihadista concreta in Italia - ANSA.it
  • 20/02/2018 11:28 Pistoia: ragazzi aggrediscono anziano con il bastone, lo fanno cadere e postano il video su Facebook - Corriere della Sera
  • 19/02/2018 12:18 Dalla Russia arriva il buran: una settimana di piogge e gelo - Il Secolo XIX
  • 20/02/2018 11:20 Palermo, 20enne inglese rapinata e violentata: arrestato un 46enne - Il Messaggero
  • 19/02/2018 19:57 DE LUCA CONTRO GRASSO E DI MAIO/ Video inchiesta Napoli: “moralismo camorrista”. Leader LeU, “senza moralità” - Il Sussidiario.net
  • 20/02/2018 09:44 Elezioni 2018/ Campagna elettorale: Centrodestra 'thriller', Meloni attacca Salvini e Berlusconi - Il Sussidiario.net
  • 20/02/2018 11:12 Incidente sul Raccordo: scontro tra quattro auto, una prende fuoco. Traffico in tilt - RomaToday
  • 20/02/2018 10:54 "Irrevocabili" dimissioni sindaco Terni - L'Arena
  • 20/02/2018 08:30 Ennesima mancia elettorale: Rai gratis agli anziani poveri - il Giornale
  • 20/02/2018 10:04 Ultime notizie/ Di oggi, ultim'ora: Trump, “più controlli su chi compra le armi” (20 febbraio 2018) - Il Sussidiario.net
martedì 20 febbraio 2018

20 Febbraio

Scrive il maestro Corrado Trotter, in "Primiero, nei suoi costumi, tradizioni e leggende".

"Anticamente i Primierotti non praticarono il commercio del legname, forse perché non erano in grado o non possedevano il capitale sufficiente; in genere erano ditte venete che lo appaltavano.

Col passare dei secoli, alcuni venuti da fuori, si stabilirono in Valle e si arricchirono.

Alla nostra gente erano riservate le fatiche e le loro conseguenze, forse qualcuno pratico dei boschi, etc.

Diventò sanser ovvero sensale, ma senza ricavarne gran che, il proverbio stesso lo dice: sanser de legnam - tant bordel e poc guadagn = sensale del legname, tanta fatica e grattacapi ma poco guadagno.

Dopo un periodo iniziale imprecisabile in cui il legname, per il trasporto, veniva esclusivamente fluitato, data la forza motrice facilmente reperibile nei numerosi torrenti delle nostre montagne, una sia pur piccola quantità venne lavorato, cioè segato, in Valle.

Ciò avvenne ancora molti secoli fa, senza dubbio ancor prima della data degli ormai noti statuti della comunità, i quali confermano l'esistenza di qualche rudimentale segheria.

Infatti nella rubrica 20° del libro III, essi contemplano: "del modo di siegar legnami" ordinando che i proprietari si segherie esistenti o future, siino tenuti, et obbligati siegar a prezzo de due dinari per pezzo di breghe, con buona fede, e senza frode; se però l'asse fosse stata d'un buon piede, la segagione poteva salire a tre denari.

La pena per chi segava male o contravveniva al prezzo doveva essere pagata al comune".

 

19 Febbraio 21 Febbraio