Sommario

  • 17/08/2018 23:00 This RSS feed URL is deprecated
  • 17/08/2018 20:19 Genova, si cercano 5 dispersi. Conte avvia la procedura di revoca della concessione ad Autostrade - Rai News
  • 17/08/2018 17:50 Crollo ponte a Genova, Mastella chiude il 'Morandi' di Benevento - La Repubblica
  • 17/08/2018 21:50 Claudio Lolli morto, il cantautore aveva 68 anni - Il Fatto Quotidiano
  • 17/08/2018 20:33 TERREMOTO MOLISE, M 5.1 A MONTECILFONE/ Ultime notizie, nuova scossa M 2.6: la terra continua a tremare - Il Sussidiario.net
  • 17/08/2018 19:03 MALTEMPO E NUBIFRAGIO A ROMA: ALBERI CADUTI E GRANDINE/ Ultime notizie video: allagamenti e linee bus ... - Il Sussidiario.net
  • 17/08/2018 16:48 Caso Diciotti, l'Europa pronta a dare sostegno all'Italia ma Salvini vieta lo sbarco a Lampedusa - La Repubblica
  • 17/08/2018 20:05 "Vai via negro", poi preso a sprangate - ANSA.it
  • 17/08/2018 10:44 Ragazza 17enne interrompe Salvini a Pontida: “Fascista”. Lui: “Ti offro una birra” - La Stampa
  • 17/08/2018 20:00 Genova, così il ponte Morandi “poggia” sulle case sottostanti - La Stampa
  • 17/08/2018 11:26 Furto a casa dei genitori di Salvini - ANSA.it
venerdì 17 agosto 2018

17 Agosto 1877

Cesare Tomè, in compagnia delle guide alpine Mariano Bernardino e Tommaso Dal Col, effettuano la salita della vetta più alta del Piz de Sagron.

Partiti da Passo Cereda verso le 4 del mattino, presero il sentiero verso la Casera delle Monache, quindi proseguirono per il vallone di Intaiada Bassa, poi Intaiada Alta, che prospetta la Val Cimonega, e per l'opposto versante scesero al Pian della Regina, da dove intrapresero la salita.

Per la parete rocciosa di destra, che è la più praticabile, salirono verso l'angolo orientale fino alle Buse Alte.

Quindi attraversarono la Valle verso il mezzo, dove uno scrostamento superficiale permette il passaggio sulla parete verticale.

Con gravi difficoltà giunsero allo spigolo sud-ovest del Piz.

Dopo varie esplorazioni scoprirono un ripidissimo colatoio, arrampicandosi lungo questo, alle ore 10.50 giunsero alla vasta e piana sommità del Piz de Sagron.

A mezzogiorno il Tomè diede il segnale della partenza.

Nonostante le pessime condizioni meteorologiche, si calarono fino alla depressione che si trova fra il Piz e il Sasso di Mezzodì, e scesero quindi per la Val Asinozza, a Fiera di Primiero, dove giunsero alle ore 19.30 circa.

 

16 Agosto 18 Agosto