Sommario

  • 26/05/2017 20:27 Il G7 cade sui migranti: bocciato il piano italiano, vince la linea Trump - L'Huffington Post
  • 26/05/2017 23:16 Rai, Campo Dall'Orto da Padoan per rimettere il mandato - Corriere della Sera
  • 27/05/2017 02:53 G7, l'eleganza ''italiana'' di Melania: soprabito da 51mila dollari - La Repubblica
  • 26/05/2017 20:03 Legge elettorale, anche Grillo apre al sistema tedesco - La Repubblica
  • 27/05/2017 07:09 Il Papa a Genova, il messaggio di Francesco alla città - Il Secolo XIX
  • 27/05/2017 07:23 Sgarbi avventato, la decisione del Tar sui musei potrebbe non essere “impeccabile” - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
  • 26/05/2017 13:13 Milano, spara alla testa dell'ex compagna e tenta il suicidio: entrambi morti dopo agonia - TGCOM
  • 26/05/2017 12:41 Il prete che fece la predica al Papa - Famiglia Cristiana
  • 26/05/2017 14:33 Russiagate, il genero di Trump è indagato dall'Fbi. Non va al G7ha abbandonato - La Repubblica
  • 26/05/2017 15:43 Pd, Brambilla dice no a Mdp. "Rimango per gli orlandiani". Intervista - Affaritaliani.it
sabato 27 maggio 2017

27 Maggio 1852

Nel 1852 scrive Agostino Perini, segretario della società agraria e insegnante alle reali di Trento, che "in Canal San Bovo vegeta spontanea da 60 anni sotto un covolo del Monte Tatoga comunemente chiamato Totoga, la patata.

Ciò significa che già nel 700 qualcuno aveva seminato e poi forse riposto al fresco in un covolo della Totoga le patate raccolte che, in seguito, avevano continuato a riprodursi spontaneamente.

L'annotazione è interessante perché la patata, introdotta dal Perù in Europa nel 1565, si diffuse in Trentino molto tardi, solo nella seconda metà del secolo XVIII.

La zona della Totoga deve essere stata quindi una delle prime località del Trentino dove non solo si praticava la coltura della patata, ma si provvedeva anche alla sua conservazione in ambiente fresco e poco illuminato.

Anche da altri documenti, si capisce che la zona si può localizzare intorno a Passo Gobbera.

Ad es. circa 40 anni dopo, nel 1891, Giulio Paoletti, professore di botanica all'università di Padova, segnala anche che la vite vicino a Gobbera era coltivata fino a quota 990. Da "Voci di Primiero".

27 Maggio 1916

Dopo l'evacuazione di Caoria, un anno prima, nel maggio del 1916 giunse improvviso l'ordine di evacuare gli altri paesi della Valle.

Tutti si diedero da fare a nascondere, nei posti e ripostigli più impensati, quelle cose utili e care che non potevano portare con sé. Il 27 e 28 maggio, una o due persone per famiglia, si recarono ad Imer a consegnare il bestiame all'amministrazione militare.

La popolazione della vallata si concentrò a Canale o partì direttamente per Imer e Feltre, come fecero molte famiglie di Prade, Zortea e Gobbera.

Il concentramento a Canale avvenne su carri ed automezzi per gli ammalati, i vecchi le donne con i bambini, a piedi per gli altri.

Successivamente, su carette ed autocarri, i profughi furono trasportati a Feltre e sistemati alla meglio nelle chiese degli Angeli e di S. Rocco.

Da qui in treno, in parte dopo alcune ore e gli altri dopo qualche giorno, in Italia Meridionale.

Durante il viaggio l'assistenza militare e le dame della croce rossa rifornirono i profughi di pagnotte, scatolette di carne e latte per i bambini.

La separazione dei profughi in gruppi avveniva a Firenze, dove le singole carrozze, sganciate dai convogli, venivano poi fatte proseguire verso le varie destinazioni.

Queste separazioni, spicciative e meccaniche, portavano spesso, se eseguite di notte, alla separazione dei membri di una medesima famiglia.

Così i profughi della Valle furono sparpagliati un po' ovunque: Napoli, Avellino, Calitri, S. Agata dei Goti, Leonforte, Regalbuto, Bosco tre Case, Isernia, Manduria, Gioia del Colle, Altamura, etc.

La permanenza nelle varie sedi fu abbastanza buona.

In generale, le autorità si prodigarono per sistemare i profughi nel modo migliore; anche la gente del posto si dimostrò cordiale, aiutandoli spesso nei loro bisogni.

Per il mantenimento veniva loro corrisposto un sussidio di 1,25 lire a testa per le famiglie di una o due persone, di 1 lira per quelle più numerose.

In qualche località fece ottima impressione il fatto che erano persone di poche parole e con tanta voglia di lavorare; suscitò pure meraviglia il fatto che tutti sapevano leggere e scrivere.

 

26 Maggio 28 Maggio