Sommario

  • 19/10/2018 11:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 19/10/2018 11:25 Spread Btp/Bund vola a 340, poi cala. Milano arretra con le banche - ANSA.it
  • 19/10/2018 08:25 CRONACA METEO. Forte MALTEMPO su parte d'Italia, allagamenti in Sicilia. Evoluzione prossime ore - 3bmeteo
  • 19/10/2018 11:02 Decreto Fiscale, scontro Lega-M5s su condono/ Conte convoca Cdm, Toninelli: “presto vertice Salvini-Di Maio” - Il Sussidiario.net
  • 19/10/2018 08:45 Imprenditore scomparso nel Pisano e ritrovato in Scozia: non parla più italiano - TGCOM
  • 19/10/2018 11:15 Matera, vietato uso dell'acqua potabile per presenza di batteri: scuole chiuse - Il Fatto Quotidiano
  • 18/10/2018 18:30 Volley femminile, semifinale Italia-Cina 2-1 [Live]: le azzurre sognano la finale mondiale - La Repubblica
  • 19/10/2018 10:04 La lettera della Commissione europea all'Italia sulla manovra - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
  • 19/10/2018 07:53 Stefano Cucchi, Ilaria: «Da Nistri sproloquio contro chi ha parlato» Trenta: falso, sarei intervenuta - Corriere della Sera
  • 19/10/2018 09:34 Caso Khashoggi, si cercano i resti nei boschi vicino Istanbul - La Repubblica
  • 19/10/2018 08:23 Milano, travolto da un'auto durante i lavori nel cantiere stradale: morto un operaio - La Repubblica
venerdì 19 ottobre 2018
-

Dev’essere annullato il verbale per eccesso di velocità rilevato a mezzo autovelox sulla strada extraurbana secondaria se la contestazione non contiene gli estremi del decreto prefettizio che autorizza l’installazione del dispositivo su quel preciso tratto di strada. Il trasgressore ha diritto di poter rinvenire gli estremi del decreto prefettizio all’interno del contenuto del verbale. A stabilire tali principi, la seconda sezione della Cassazione civile con l’ordinanza 24214/18, pubblicata in questi giorni conferma un orientamento a favore dei presunti trasgressori che potranno meglio difendersi avverso la miriade di multe che vengono effettuate tramite strumenti di rilevazione elettronica della velocità. Nella fattispecie, è stato accolto il ricorso di un’automobilista multata su una strada provinciale per eccesso di velocità che si era vista accogliere l’opposizione al verbale in primo grado, mentre era stata condannata in secondo dal Tribunale di Oristano. La donna aveva rilevato come fosse stato leso il suo diritto alla difesa per il fatto che il verbale non contenesse gli estremi del decreto prefettizio per individuare la strada su cui era stata rilevata l’infrazione tra quelle extraurbane. La Suprema Corte ha affermato il condivisibile principio secondo cui è diritto di chi viene sanzionato, conoscere «quanto meno indirettamente in vista del successivo accesso alla documentazione amministrativa, i motivi che hanno reso impossibile la contestazione immediata il trasgressore deve quindi poter rinvenire gli estremi del decreto prefettizio che tali motivi, più ampiamente, esplicita, con inapplicabilità al vizio de quo dell’articolo 21 octies della legge 241/90, trattandosi di requisito motivazionale mancante in atto sanzionatorio impugnato ex legge 689/81, dipendendo il sussistere del potere sanzionatorio in concreto dal parallelo sussistere del requisito».