Sommario

  • 20/11/2018 21:00 This RSS feed URL is deprecated
  • 20/11/2018 20:41 Anticorruzione, governo battuto: passa l'emendamento sul peculato caro alla Lega firmato dall'ex 5S Vitiello - La Repubblica
  • 20/11/2018 18:20 Roma, sgomberate otto ville dei Casamonica. Raggi: "Giornata storica" - La Repubblica
  • 20/11/2018 17:26 Maltempo al Centro-Sud, si stacca un pezzo di capitello dalla Reggia di Caserta - Il Secolo XIX
  • 20/11/2018 17:52 Varese, 15enne sequestrato e torturato da banda di ragazzini delle medie - La Repubblica
  • 20/11/2018 14:23 Maltempo, treno investito da una tromba dʼaria a Crotone: feriti alcuni passeggeri - TGCOM
  • 20/11/2018 16:43 Uccide la moglie incinta e le due figlie, “voleva un nuovo inizio con l'amante” - Fanpage
  • 20/11/2018 19:04 Maltempo. Il vento frusta l'Italia. Tromba marina spaventa Salerno - Avvenire.it
  • 19/11/2018 20:10 Giochi 26: Giorgetti,su oneri decide cdm - ANSA.it
  • 20/11/2018 16:45 Frecciarossa, due collegamenti in più da Fiumicino per La Spezia ea Genova - Il Secolo XIX
  • 20/11/2018 18:19 Terremoto in Campania: scossa in provincia di Salerno [MAPPE e DATI] - Meteo Web
martedì 20 novembre 2018
-

«In Parlamento è stato raggiunto un grande risultato per Belluno e il Veneto: è stato espresso un voto favorevole all'unanimità al parere che le commissioni Trasporti di Camera e Senato hanno dato al Contratto di Programma, nella parte riguardante gli investimenti tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Rete Ferroviaria Italiana. Grazie al parere a quest'atto, che determina la politica per il settore ferroviario dei prossimi 5 anni siamo riusciti ad inserire sia lo studio di fattibilità per il Treno delle Dolomiti da Calalzo a Cortina e poi Dobbiaco, sia quello per la Primolano-Feltre». Lo afferma in questi giorni il deputato bellunese del M5S Federico D'Incà. «In questo modo viene finalmente rafforzata la posizione di queste due importanti tratte e possiamo pensare di programmare il futuro delle ferrovie bellunesi - continua D'Incà - passando per un studio di fattibilità che indichi una volta per tutte la strada maestra da seguire nello sviluppo infrastrutturale a turistico delle Dolomiti. Attraverso uno stanziamento già previsto dei fondi per i Comuni di confine - conclude il deputato bellunese - possiamo operare queste progettazioni in modo veloce e in coordinamento con la Provincia di Belluno e la Regione Veneto. Adesso è compito di tutti correre e adempiere a tutti i passaggi burocratici per raggiungere l'obiettivo dell' anello ferroviario delle Dolomiti».