Sommario

  • 20/11/2018 20:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 20/11/2018 17:26 Maltempo al Centro-Sud, si stacca un pezzo di capitello dalla Reggia di Caserta - Il Secolo XIX
  • 20/11/2018 18:20 Roma, sgomberate otto ville dei Casamonica. Raggi: "Giornata storica" - La Repubblica
  • 20/11/2018 16:01 Maltempo al Sud, trombe d'aria a Salerno e Crotone Meteo - Corriere della Sera
  • 20/11/2018 16:17 Salvini, Di Maio e Tria. Tutte le dichiarazioni che hanno mandato in fibrillazione lo spread - Il Sole 24 ORE
  • 20/11/2018 17:52 Varese, 15enne sequestrato e torturato da banda di ragazzini delle medie - La Repubblica
  • 20/11/2018 18:19 Aquarius, due metri cubi di rifiuti infettivi: pure garze intrise di sangue - il Giornale
  • 20/11/2018 19:04 Maltempo. Il vento frusta l'Italia. Tromba marina spaventa Salerno - Avvenire.it
  • 20/11/2018 16:45 Frecciarossa, due collegamenti in più da Fiumicino per La Spezia ea Genova - Il Secolo XIX
  • 20/11/2018 16:56 Libia, sgomberati i migranti della Nivin: dieci feriti, gli altri detenuti - La Repubblica
  • 20/11/2018 18:39 Inceneritori, anche in Lombardia è scontro tra Lega e Movimento 5 stelle - Milano Fanpage
martedì 20 novembre 2018
-

C’è anche il Botiro di Primiero fra i prodotti inseriti nell’inventario della candidatura a patrimonio Unesco, è infatti iniziato ufficialmente il percorso di candidatura della Cultura alimentare alpina alla Lista rappresentativa del Patrimonio immateriale UNESCO. Ieri pomeriggio ad Innsbruck, nell’ambito della conferenza di metà mandato del progetto europeo Alpfoodway, i 14 partner, tra i quali la Trentino School of Management (TSM) con la step – Scuola per il Governo del Territorio e del Paesaggio e la Fondazione Edmund Mach come osservatore, hanno promosso la carta a sostegno dell’iniziativa che coinvolge i sette Paesi dell’arco alpino. Tra i prodotti e le pratiche inserite nell’inventario da tutelare anche la castanicoltura della Valsugana, il vin santo, il pane delle Giudicarie Esteriori, il Botiro del Primiero e la raccolta di erbe spontanee in Val Rendena.

“Stiamo lavorando assieme a 9 istituzioni scientifiche per promuovere l’invecchiamento in salute valorizzando i prodotti alimentari del territorio. Un tema doppiamente strategico dal punto di vista economico, sociale e ambientale: deve diminuire la spesa sanitaria legata alla cattiva alimentazione e deve aumentare il reddito dei produttori locali. Rispetto alla nostra proposta di candidare la dieta alpina a Patrimonio immateriale UNESCO, lanciata a fine 2017 contemporaneamente all’avvio del progetto EFH, siamo molto soddisfatti di essere stati inclusi nel percorso già avviato dal progetto Alpfoodway”.

Il coordinatore scientifico del progetto “EFH” e ricercatore FEM Kieran Tuohy ha definito le tappe del progetto. “A novembre i 13 dottorandi inizieranno il loro lavoro. Con questa ricerca vogliamo identificare percorsi alimentari sostenibili che passano per un oculato uso dei cibi locali, promuovendone la disponibilità e identificando i prodotti ricchi in composti attivi essenziali e che possono far parte di uno stile di vita sano idoneo a mantenere lo stato di salute”.

L’inventario. Per dare forza all’ambiziosa iniziativa è in costruzione un inventario online, fondato sui principi della Convenzione UNESCO per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale (2003), che già raccoglie oltre 50 schede sulla cultura alimentare alpina, ottenute sulla base di ricerche antropologiche, sociologiche e storiche. Dal lato trentino, tra le altre realtà meritevoli di tutela, ci sono la castanicoltura della Valsugana, il pane delle Giudicarie Esteriori, il vino santo, la raccolta delle erbe spontanee della Val Rendena, Botiro del Primiero di malga. L’inventario è consultabile sul sito http://www.intangiblesearch.eu