Sommario

  • 20/05/2018 13:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 20/05/2018 13:15 La Francia avverte l'Italia: "Si rispettino gli impegni o l'eurozona sarà a rischio" - il Giornale
  • 20/05/2018 12:01 Tensione tra i due leader sulla scelta del premier: Di Maio vuole l'incarico - il Giornale
  • 20/05/2018 11:58 La bufala dell'eredità da 3 milioni lasciata a Silvio Berlusconi - Corriere della Sera
  • 20/05/2018 12:25 Pestata e rapinata dal branco: il bullismo si tinge pure di rosa - il Giornale
  • 20/05/2018 10:47 Padova, a 16 anni costretta a filmare la madre mentre fa sesso. Genitori indagati, i tre figli portati via - Il Messaggero
  • 20/05/2018 11:11 Terremoto a Piacenza, trema il Nord Italia/ INGV, scossa M 4.3 a Gropparello: solo paura, niente danni - Il Sussidiario.net
  • 20/05/2018 12:50 Venezuela al voto, appello del papa: "Basta violenze" - La Repubblica
  • 20/05/2018 11:59 INDIA, PADRE STUPRA FIGLIA 13ENNE PER 6 MESI/ “Succede in tutte le famiglie”: l'urgente 'banalità' del male - Il Sussidiario.net
  • 20/05/2018 11:17 Foggia, la vicesindaca ai fornelli con il grembiule di Mussolini. L'Anpi: "Dimissioni subito" - La Repubblica
  • 20/05/2018 11:22 Aereo caduto a Cuba/ 110 morti, peggior disastro dal 1989: donna naturalizzata italiana fra le vittime - Il Sussidiario.net
domenica 20 maggio 2018
-
Si concludeva in Via Caetani la mattina del 9 maggio una delle azioni terroristiche più famose d'Italia, che aveva tenuto col fiato sospeso un paese per 55 giorni e le cui conseguenze avrebbero avuto eco per molti anni a venire: il corpo di Aldo Moro, presidente del DC, veniva ritrovato senza vita in una Renault rossa.
Rapito il 16 marzo in via Fani dall'organizzazione terroristica Brigate Rosse in quanto "erede diretto dell'anticomunismo di Alcide Degasperi" e simbolo dello Stato Imperialista delle Multinazionali, Moro fu sequestrato il giorno della presentazione del nuovo governo Andreotti: seguirono oltre 50 giorni di prigionia in cui Moro scrisse lettere a diversi esponenti politici, alla famiglia e al Papa, mentre le istituzioni si schieravano seppur in maniera frastagliata a favore della non trattativa e quindi per il rilascio del prigioniero senza alcuna condizione.
Lo stesso 9 maggio anche i resti di Peppino Impastato, giornalista di Democrazia Proletaria, venivano ritrovati in seguito a un'esplosione per mano di Cosa Nostra a Cinisi, dopo che il giovane aveva denunciato alcune attività illecite e si era candidato al Consiglio comunale.
Due uomini e due destini che hanno influenzato il paese negli anni a venire, e il cui ricordo oggi sembra purtroppo sbiadire tra le pagine di cronaca e attualità, quasi a voler dimenticare che la memoria è l'unico modo per estirpare l'indifferenza, per evitare infine che certe brutalità si ripetano.
(AO)