Sommario

  • 26/07/2017 07:06 Reggio Calabria, arresti e perquisizioni: "Strategia comune di 'ndrangheta e Cosa nostra per le stragi mafiose" - La Repubblica
  • 26/07/2017 08:04 Johnny Lo Zingaro arrestato - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
  • 25/07/2017 20:18 L'Italia assediata dagli incendi, allarme nube tossica a Roma - ANSA.it
  • 26/07/2017 07:58 Vitalizi, oggi il via libera ai tagli: ex parlamentari in rivolta - Il Messaggero
  • 25/07/2017 21:00 Costa Paradiso: muore a 15 anni risucchiata dalle onde - Olbia.it (Comunicati Stampa)
  • 25/07/2017 20:23 Libia, Macron cancella Gentiloni e Minniti: l'accordo di Parigi è uno sgambetto all'Italia. Ma la colpa è nostra - Il Fatto Quotidiano
  • 26/07/2017 07:45 Roma, emergenza acqua: da Bracciano ancora prelievi fino al primo agosto - Il Messaggero
  • 25/07/2017 20:48 Maltempo, temporali e grandinate al Nord. In Abruzzo affonda peschereccio, morti due marittimi - La Repubblica
  • 25/07/2017 21:45 Peschereccio disperso, morti 2 marittimi - ANSA.it
  • 26/07/2017 07:15 Francia, 10 mila persone evacuate per un incendio - La Repubblica
mercoledì 26 luglio 2017

21 Marzo

Nonostante sia marzo, dopo i lunghi e sonnolenti giorni d'inverno, il mese che porta la primavera, fin dall'antichità è sempre stato considerato il più bizzarro e imprevedibile dei 12 mesi, soprattutto sotto il profilo meteorologico.

Anche nelle innumerevoli raffigurazioni.

21 Marzo 1710

Nasce a Imer Giuseppe Gubert detto Valassin, figlio di Rodolfo Gubert, diventò pittore e architetto e lavorò alla corte della zarina Caterina II di Russia raggiungendo il grado di colonnello.

A lui viene attribuito un affresco del 1749 dipinto a Imer sulla casa denominata il Castel dei Guberti o i Valassin, che nell'alluvione del novembre 1966 fu investita da una frana.

L'affresco in seguito alle gravi lesioni della casa, fu riportato su tela a cura del noto pittore Riccardo Schwaizer.

La tela si trova ora nella sala consiliare del municipio di Imer.

L'affresco riproduce la presentazione di Maria al tempio e nella parte inferiore i Santi Simone, Giovan Battista, Appollonia, Bartolomeo e Antonio da Padova.

 

20 Marzo 22 Marzo