Sommario

  • 22/09/2018 14:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 22/09/2018 12:16 Manovra: Giorgetti non possiamo trascurare vincoli Ue - ANSA.it
  • 22/09/2018 12:46 Rocco Casalino, la scalata al potere dal Movimento Cinque Stelle a Palazzo Chigi - La Repubblica
  • 22/09/2018 11:10 "Voglio vedere il mare per l'ultima volta": l'ambulanza si ferma sulla spiagga per esaudire il suo desiderio - La Repubblica
  • 22/09/2018 12:39 Terribile schianto auto contro pullman sull'Aurelia a Bordighera 2 morti - La Riviera
  • 22/09/2018 11:52 Iran, attacco a parata militare: almeno 24 morti e decine di feriti - La Repubblica
  • 22/09/2018 11:22 “MORTE IO SONO PRONTO”, SI SCHIANTA CON L'AUTO 6 GIORNI DOPO L'AMICO/ La storia da brividi di 'Paolino' - Il Sussidiario.net
  • 22/09/2018 12:10 L'annuncio. Santa Sede e Cina, firmata la storica intesa - Avvenire.it
  • 22/09/2018 08:59 Ancona: Vigile del Fuoco precipita in caserma. Morto - Notizie.it
  • 22/09/2018 10:42 Manovra, Fico: “Contrario a qualsiasi condono. Comunque lo si chiami” - Il Fatto Quotidiano
  • 22/09/2018 12:30 Veroli, suora colpisce più volte alla testa un sacerdote con un mattone - Corriere della Sera
sabato 22 settembre 2018

12 Ottobre 1889

Rovinosa per il Primiero fu la fiumana che si abbatté fra il 10 e il 12 ottobre di questo anno che diroccò molte arginazioni da poco restaurate con nuove spese di legname e fondamenta a causa delle recenti alluvioni del 1883 e 1884 e 1885 per tre anni consecutivi.

Ma nel 1889 arrivò una nuova alluvione infatti tra Mezzano e Imer vennero sfasciati centinaia di metri di muraglione lungo il Cismon e alla confluenza del torrente Noana.

Il ponte di pietra di San Silvestro venne letteralmente scondotto e fu ricostruito in legname.

Perfino lo stradone postale fu rovinato in tre punti per oltre cento metri nel solo tratto tra Mezzano e Fiera, stradone che si continuava a sperare secondo le promesse, che venisse assunto per la manutenzione dal i.r. Governo.

Nella Valle del Vanoi

"caddero sei frano sopra Canale, e fu miracolo se sfuggirono al disastro i suoi abitanti, da esse e dall'acqua vennero asportati i fienili, case, soffocati animali, trascinate persone, distrutta quasi tutta la nuova strada tra Canale e Caoria.

Scondotti i ponti, a Ronco Cainari case inghiaiate e minacciate, un uomo sepolto e mai più trovato, asportati fienili, bestiame, mulini, legname.

A Caoria danni enormi, il rivo Valsorda asportò quattro case, altre ne rovinò; minacciò la nuova canonica e la chiesa, distrusse il cimitero, portando via i cadaveri.

Cessata l'inondazione si rinvennero le case mezze scoperchiate con morti recenti ancora riconoscibili.

Se ne raccolsero a Canale e sotto Ronco, gli altri furono sepolti o meglio risepolti in un orto dietro la chiesa"

cosi descriverà il fatto don Pietro Bettega parroco di Canale.

 

11 Ottobre 13 Ottobre