Sommario

  • 11/12/2017 10:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 11/12/2017 10:00 Maltempo, la Liguria col fiato sospeso - Il Secolo XIX
  • 11/12/2017 09:06 Bitcoin, debutto da record a Chicago Prezzi in rialzo, il sito va in tilt Cosa sono, come funzionano ei rischi - Corriere della Sera
  • 11/12/2017 10:10 Netanyahu a Bruxelles: "Su Gerusalemme capitale mi aspetto che Europa segua gli Usa" - La Repubblica
  • 10/12/2017 19:12 Maltempo: Savona chiude tutte le scuole domani - ANSA.it
  • 11/12/2017 10:05 Roma, clienti chiamate «ciccione» sullo scontrino del «Jinja Parioli» - Corriere della Sera
  • 11/12/2017 08:40 Grasso: «Penso a ricostruire, no preclusioni Pd dopo voto» - Il Sole 24 Ore
  • 11/12/2017 10:25 Venezuela, Maduro trionfa nelle Comunali e vieta presidenziali all'opposizione - La Repubblica
  • 11/12/2017 09:41 Case occupate: l'interesse del proprietario viene prima. Lo Stato paghi - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
  • 11/12/2017 08:35 Cisterna, bufera in Comune: arresti da parte dei carabinieri - Il Messaggero
  • 11/12/2017 09:33 Molestie, l'ambasciatrice Usa all'Onu: «Vanno ascoltate le donne che accusano il presidente Trump» - Il Mattino
lunedì 11 dicembre 2017

12 Ottobre 1889

Rovinosa per il Primiero fu la fiumana che si abbatté fra il 10 e il 12 ottobre di questo anno che diroccò molte arginazioni da poco restaurate con nuove spese di legname e fondamenta a causa delle recenti alluvioni del 1883 e 1884 e 1885 per tre anni consecutivi.

Ma nel 1889 arrivò una nuova alluvione infatti tra Mezzano e Imer vennero sfasciati centinaia di metri di muraglione lungo il Cismon e alla confluenza del torrente Noana.

Il ponte di pietra di San Silvestro venne letteralmente scondotto e fu ricostruito in legname.

Perfino lo stradone postale fu rovinato in tre punti per oltre cento metri nel solo tratto tra Mezzano e Fiera, stradone che si continuava a sperare secondo le promesse, che venisse assunto per la manutenzione dal i.r. Governo.

Nella Valle del Vanoi

"caddero sei frano sopra Canale, e fu miracolo se sfuggirono al disastro i suoi abitanti, da esse e dall'acqua vennero asportati i fienili, case, soffocati animali, trascinate persone, distrutta quasi tutta la nuova strada tra Canale e Caoria.

Scondotti i ponti, a Ronco Cainari case inghiaiate e minacciate, un uomo sepolto e mai più trovato, asportati fienili, bestiame, mulini, legname.

A Caoria danni enormi, il rivo Valsorda asportò quattro case, altre ne rovinò; minacciò la nuova canonica e la chiesa, distrusse il cimitero, portando via i cadaveri.

Cessata l'inondazione si rinvennero le case mezze scoperchiate con morti recenti ancora riconoscibili.

Se ne raccolsero a Canale e sotto Ronco, gli altri furono sepolti o meglio risepolti in un orto dietro la chiesa"

cosi descriverà il fatto don Pietro Bettega parroco di Canale.

 

11 Ottobre 13 Ottobre