Sommario

  • 19/10/2017 23:53 Bankitalia, la difesa di Gentiloni - Corriere della Sera
  • 19/10/2017 22:41 Firenze, crollo a Santa Croce: l'ultimo intervento una settimana fa. L'Opera: «Non c'era traccia di rischi» - Corriere della Sera
  • 19/10/2017 19:40 I familiari delle vittime di Rigopiano in Prefettura: drammatico incontro con la funzionaria che ignorò l'allarme - La Repubblica
  • 19/10/2017 19:02 Allarme smog a Torino, ma l'esperto frena: “Non esageriamo, le sigarette fanno molto peggio” - La Stampa
  • 19/10/2017 23:33 Forza Nuova, il giallo della "marcia su Roma". La questura annuncia il dietrofront, Fiore smentisce - Il Messaggero
  • 19/10/2017 23:04 Europa League, Milan-Aek 0-0: Montella non esce dalla crisi - La Gazzetta dello Sport
  • 19/10/2017 22:57 Europa League, Atalanta-Apollon 3-1: in gol Ilicic, Schembri, Petagna e Freuler - La Gazzetta dello Sport
  • 19/10/2017 19:26 Comico di Zelig rovinato dopo separazione: "Non mi sento un simbolo, ma troppe differenze tra madri e padri" - La Repubblica
  • 19/10/2017 22:28 Lazio, il sindaco di Amatrice verso la candidatura alla Regione - La Repubblica
  • 19/10/2017 22:25 Maroni: referendum consultivo? Anche la Brexit è cominciata così - Corriere della Sera
venerdì 20 ottobre 2017

12 Ottobre 1889

Rovinosa per il Primiero fu la fiumana che si abbatté fra il 10 e il 12 ottobre di questo anno che diroccò molte arginazioni da poco restaurate con nuove spese di legname e fondamenta a causa delle recenti alluvioni del 1883 e 1884 e 1885 per tre anni consecutivi.

Ma nel 1889 arrivò una nuova alluvione infatti tra Mezzano e Imer vennero sfasciati centinaia di metri di muraglione lungo il Cismon e alla confluenza del torrente Noana.

Il ponte di pietra di San Silvestro venne letteralmente scondotto e fu ricostruito in legname.

Perfino lo stradone postale fu rovinato in tre punti per oltre cento metri nel solo tratto tra Mezzano e Fiera, stradone che si continuava a sperare secondo le promesse, che venisse assunto per la manutenzione dal i.r. Governo.

Nella Valle del Vanoi

"caddero sei frano sopra Canale, e fu miracolo se sfuggirono al disastro i suoi abitanti, da esse e dall'acqua vennero asportati i fienili, case, soffocati animali, trascinate persone, distrutta quasi tutta la nuova strada tra Canale e Caoria.

Scondotti i ponti, a Ronco Cainari case inghiaiate e minacciate, un uomo sepolto e mai più trovato, asportati fienili, bestiame, mulini, legname.

A Caoria danni enormi, il rivo Valsorda asportò quattro case, altre ne rovinò; minacciò la nuova canonica e la chiesa, distrusse il cimitero, portando via i cadaveri.

Cessata l'inondazione si rinvennero le case mezze scoperchiate con morti recenti ancora riconoscibili.

Se ne raccolsero a Canale e sotto Ronco, gli altri furono sepolti o meglio risepolti in un orto dietro la chiesa"

cosi descriverà il fatto don Pietro Bettega parroco di Canale.

 

11 Ottobre 13 Ottobre