Sommario

  • 20/02/2018 12:00 This RSS feed URL is deprecated
  • 20/02/2018 11:28 Pistoia: ragazzi aggrediscono anziano con il bastone, lo fanno cadere e postano il video su Facebook - Corriere della Sera
  • 20/02/2018 11:48 Terrorismo, l'allarme degli 007: ​«Minaccia concreta in Italia» - Il Messaggero
  • 20/02/2018 10:59 Embraco conferma i licenziamenti, un operaio si incatena ai cancelli della fabbrica: "Non molliamo" - Rai News
  • 20/02/2018 09:44 Elezioni 2018/ Campagna elettorale: Centrodestra 'thriller', Meloni attacca Salvini e Berlusconi - Il Sussidiario.net
  • 20/02/2018 11:20 Palermo, 20enne inglese rapinata e violentata: arrestato un 46enne - Il Messaggero
  • 20/02/2018 09:46 Tempo instabile e freddo per tutta settimana, pioggia e neve fino in bassa collina - abruzzo24ore.tv
  • 20/02/2018 10:01 Roma, incidente sul Gra, auto in fiamme: quattro veicoli coinvolti, traffico bloccato - Il Messaggero
  • 19/02/2018 21:42 Il carro armato De Luca sulla campagna elettorale. Il governatore mostra i muscoli in video e passa all'offensiva - L'HuffPost
  • 20/02/2018 08:30 Ennesima mancia elettorale: Rai gratis agli anziani poveri - il Giornale
  • 20/02/2018 08:10 «Basta armi» e dopo la Florida distrugge il fucile che possedeva da 30 anni: il filmato è virale - Corriere della Sera
martedì 20 febbraio 2018

12 Ottobre 1889

Rovinosa per il Primiero fu la fiumana che si abbatté fra il 10 e il 12 ottobre di questo anno che diroccò molte arginazioni da poco restaurate con nuove spese di legname e fondamenta a causa delle recenti alluvioni del 1883 e 1884 e 1885 per tre anni consecutivi.

Ma nel 1889 arrivò una nuova alluvione infatti tra Mezzano e Imer vennero sfasciati centinaia di metri di muraglione lungo il Cismon e alla confluenza del torrente Noana.

Il ponte di pietra di San Silvestro venne letteralmente scondotto e fu ricostruito in legname.

Perfino lo stradone postale fu rovinato in tre punti per oltre cento metri nel solo tratto tra Mezzano e Fiera, stradone che si continuava a sperare secondo le promesse, che venisse assunto per la manutenzione dal i.r. Governo.

Nella Valle del Vanoi

"caddero sei frano sopra Canale, e fu miracolo se sfuggirono al disastro i suoi abitanti, da esse e dall'acqua vennero asportati i fienili, case, soffocati animali, trascinate persone, distrutta quasi tutta la nuova strada tra Canale e Caoria.

Scondotti i ponti, a Ronco Cainari case inghiaiate e minacciate, un uomo sepolto e mai più trovato, asportati fienili, bestiame, mulini, legname.

A Caoria danni enormi, il rivo Valsorda asportò quattro case, altre ne rovinò; minacciò la nuova canonica e la chiesa, distrusse il cimitero, portando via i cadaveri.

Cessata l'inondazione si rinvennero le case mezze scoperchiate con morti recenti ancora riconoscibili.

Se ne raccolsero a Canale e sotto Ronco, gli altri furono sepolti o meglio risepolti in un orto dietro la chiesa"

cosi descriverà il fatto don Pietro Bettega parroco di Canale.

 

11 Ottobre 13 Ottobre