Sommario

  • 18/01/2018 03:00 This RSS feed URL is deprecated
  • 17/01/2018 21:02 Banche, De Benedetti: "Caso Popolari? Polverone ridicolo. Renzi mi ha deluso ma voterò Pd" - La Repubblica
  • 17/01/2018 22:48 Caos parlamentarie, blog annuncia: "Tutto regolare, nessuna proroga" - La Repubblica
  • 17/01/2018 10:15 Milano, incidente in ditta: 3 operai morti intossicati, gravissimo un altro - Il Messaggero
  • 17/01/2018 20:05 «Dj Fabo fa parte del nostro cuore»: le parole della pm che stanno commuovendo gli italiani - Il Secolo XIX
  • 17/01/2018 19:32 Il maltempo provoca una vittima nel Crotonese. Venti forti e mareggiate - Rai News
  • 17/01/2018 12:39 Baby gang. Napoli di nuovo in piazza: "Basta alle violenze" - Rai News
  • 17/01/2018 22:37 L'avvocata cacciata dall'aula per il velo: 'Non voglio essere vittima, ma lavorare contro discriminazioni' - BolognaToday
  • 17/01/2018 23:41 Renzi: "Schiero la squadra migliore: Gentiloni e tutti i ministri nei collegi" - La Repubblica
  • 17/01/2018 18:12 Mantova, commerciante ucciso a colpi di pistola sulla pista ciclabile - La Repubblica
  • 17/01/2018 22:05 Viaggio in Cile. Il Papa ai giovani: «Essere protagonisti è fare ciò che ha fatto Gesù» - Avvenire.it
giovedì 18 gennaio 2018

12 Gennaio 1867

Nasce a Tonadico Cesare Fuganti da Bartolomea e Felice Cemin di Siror. Il padre vista distrutta da un incendio la casa di Tonadico e per scarsezza di redditi, decise nel 1876, di emigrare in Brasile, in cerca, come tanti altri primierotti, di fortuna, verso il sud America. Durante il viaggio il padre morì, lasciò la moglie e sei figli, il maggiore dei quali aveva 10 anni ed era appunto Cesare. Per la famiglia Fuganti l'arrivo in Brasile coincise con un periodo difficile e duro di assestamento, superato il quale, il giovane Cesare si affermò nel commercio. A 23 anni si sposò a Porto Allegre e a Santa Maria nello stato di Rio Grande del sud, creò un'estesa e ricca azienda agricola, di oltre 8.000 ettari, con allevamenti, piantagione di caffè, coltivazioni di granaglie, mulini, segherie, etc, una vera fortuna. Fondò la "casa commerciale Fuganti", in pochi anni conosciuta all'interno e all'estero, in Europa ed in Asia. La casa possedeva, nelle principali città, una catena di grandiosi negozi forniti di ogni articolo, specie di supermercati, che nel 1956 occupavano oltre duecento dipendenti, a Londrina, nel Paranà, a San Paolo, a Rio de Janeiro. Diventò commendatore del governo brasiliano, morì il 1 dicembre 1949, lasciando un cospicuo patrimonio ai tre figli. Prima di morire si ricordò del suo paese natale, incaricando i figli di "lasciarvi un segno duraturo del suo affettuoso attaccamento". I figli infatti cooperarono alla costruzione, nel 1954, dell'attuale scuola materna, intitolata al concittadino comendador Cesare Fuganti. Una scultura in marmo nero, nell'atrio del piano seminterrato della scuola, dimostra la gratitudine degli abitanti di Tonadico per il cospicuo lascito da lui donato.

12 Gennaio 1916

L'abbondante neve in tutta la vallata raggiunge i primi piani delle case, per le strade si dovevano aprire dei varchi impossibili.

 

11 Gennaio 13 Gennaio