Sommario

  • 11/12/2017 10:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 11/12/2017 10:00 Maltempo, la Liguria col fiato sospeso - Il Secolo XIX
  • 11/12/2017 09:06 Bitcoin, debutto da record a Chicago Prezzi in rialzo, il sito va in tilt Cosa sono, come funzionano ei rischi - Corriere della Sera
  • 11/12/2017 10:10 Netanyahu a Bruxelles: "Su Gerusalemme capitale mi aspetto che Europa segua gli Usa" - La Repubblica
  • 10/12/2017 19:12 Maltempo: Savona chiude tutte le scuole domani - ANSA.it
  • 11/12/2017 10:05 Roma, clienti chiamate «ciccione» sullo scontrino del «Jinja Parioli» - Corriere della Sera
  • 11/12/2017 08:40 Grasso: «Penso a ricostruire, no preclusioni Pd dopo voto» - Il Sole 24 Ore
  • 11/12/2017 10:25 Venezuela, Maduro trionfa nelle Comunali e vieta presidenziali all'opposizione - La Repubblica
  • 11/12/2017 09:41 Case occupate: l'interesse del proprietario viene prima. Lo Stato paghi - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
  • 11/12/2017 08:35 Cisterna, bufera in Comune: arresti da parte dei carabinieri - Il Messaggero
  • 11/12/2017 09:33 Molestie, l'ambasciatrice Usa all'Onu: «Vanno ascoltate le donne che accusano il presidente Trump» - Il Mattino
lunedì 11 dicembre 2017

7 Dicembre

Agli inizi del secondo conflitto mondiale, per iniziativa della ditta Bruno Granata di Rovigo, in località Forno sorse una fabbrica di paglia e manufatti in legno. Il legname ricavato dai boschi veniva segato nella segheria dello stabilimento procurando la materia prima per la produzione di paglia, cassette di legno e imballaggi. Successivamente si passò alla produzione di serramenti, supporti per amache, baracche in legno prefabbricate, mobili ed altri manufatti. Nello stabilimento lavoravano fino a 120 dipendenti. Dopo il subentro, nel 1948 di un nuovo proprietario la Società Industriale Legno Valli Alpine, S.I.L.V.A., lo stabilimento andò lentamente a morire, finchè nel 1951 chiuse i battenti.

 

06 Dicembre 08 Dicembre