Sommario

  • 20/11/2018 20:30 This RSS feed URL is deprecated
  • 20/11/2018 17:26 Maltempo al Centro-Sud, si stacca un pezzo di capitello dalla Reggia di Caserta - Il Secolo XIX
  • 20/11/2018 18:20 Roma, sgomberate otto ville dei Casamonica. Raggi: "Giornata storica" - La Repubblica
  • 20/11/2018 16:01 Maltempo al Sud, trombe d'aria a Salerno e Crotone Meteo - Corriere della Sera
  • 20/11/2018 16:17 Salvini, Di Maio e Tria. Tutte le dichiarazioni che hanno mandato in fibrillazione lo spread - Il Sole 24 ORE
  • 20/11/2018 17:52 Varese, 15enne sequestrato e torturato da banda di ragazzini delle medie - La Repubblica
  • 20/11/2018 18:19 Aquarius, due metri cubi di rifiuti infettivi: pure garze intrise di sangue - il Giornale
  • 20/11/2018 19:04 Maltempo. Il vento frusta l'Italia. Tromba marina spaventa Salerno - Avvenire.it
  • 20/11/2018 16:45 Frecciarossa, due collegamenti in più da Fiumicino per La Spezia ea Genova - Il Secolo XIX
  • 20/11/2018 16:56 Libia, sgomberati i migranti della Nivin: dieci feriti, gli altri detenuti - La Repubblica
  • 20/11/2018 18:39 Inceneritori, anche in Lombardia è scontro tra Lega e Movimento 5 stelle - Milano Fanpage
martedì 20 novembre 2018

14 Settembre

La bevanda senza dubbio più deleteria dei tempi passati è stata la grappa o graspa o sgnapa che, per giunta all'epoca austriaca costava poco.

Con cinque soldi di corona del 1913 si ricevevano en cuchet, en pachet e 'n mazet che sarebbero: un sedicesimo di litro di grappa, un pacchetto di tabacco e una scatola di fiammiferi.

In tempi remoti la grappa era considerata un medicinale, gli si attribuivano varie proprietà terapeutiche specie per le infreddature, le influenze, i malesseri, etc.

Ma col tempo purtroppo si cominciò a bere come fosse un tonico rinfrancante.

Le fatiche, l'alimentazione scarsa o deficiente, le abbondanti sorseggiate di grappa per dar fiato e forza momentanea e coraggio, sono state la rovina di molte esistenze.

La grappa che arrivava in Primiero spesso non era neanche ricavata dalle vinacce, ma dai vari frutti di cui pure allora, il trentino era ricco; fatte le proporzioni costava molto meno del vino.

Pare che prima della guerra 1915-18, nella Valle di San Pietro e nella Val della Madonna nel comune di Imer, di distillava parecchia grappa da frutti.

Il giudice Michele Angelo Negrelli nel suo diario annotò che nel 1854 ebbe un'ottima raccolta di prugne, 1350 libbre: parte le seccò, parte le ridusse in vino ed acquavite che riuscì. "È il primo esperimento che si conosca fatto in Primiero" dice testualmente e, dallo stesso diario, trapela la notizia dell'esistenza di una distilleria a Imer negli ultimi decenni del secolo scorso.

Pare che i canopi, i minatori tedeschi che lavorarono a Primiero nel periodo di massima produttività delle nostre miniere, bevessero molto, tanto che lo stesso re Massimiliano nel 1492 diede perentori ordini al giudice minerario per l'applicazione di punizioni severe. "Era segno che il tenore di vita dei minatori si svolgeva fra l'osteria e la galleria". In realtà non si pensava molto alla salute, ma alla resa e all'orario di lavoro.

Durante la costruzione della strada del Passo Broccone, dal 1908 al 1911, a mezza mattina due ragazze passavano tra gli operai tirandosi dietro un carrettino con sopra il barile della grappa fornito di spina: nel mentre una distribuiva la bevanda, l'altra annotava sul libro dell'impresa l'avvenuta consumazione.

 

13 Settembre 15 Settembre