Sommario

  • 19/10/2018 00:00 This RSS feed URL is deprecated
  • 18/10/2018 21:00 Manovra, all'Italia lettera di richiamo da Bruxelles "Deviazione senza precedenti" - Rai News
  • 18/10/2018 21:06 Conte ora sfida Salvini: "Sabato Cdm su dl Fisco". Salvini: "Ho impegni" - il Giornale
  • 18/10/2018 20:18 Caso Cucchi: Ilaria, l'Arma vuole colpire chi ha parlato - ANSA.it
  • 18/10/2018 20:02 «Sei nero, vai a sederti in fondo». Razzismo sul bus a Trento - Il Messaggero
  • 18/10/2018 15:24 Ora solare, fra 27 e 28 ottobre lancette indietro di un'ora (forse per l'ultima volta) - Il Messaggero
  • 18/10/2018 15:25 D'Attis al posto di Vitali, Berlusconi nomina il nuovo commissario di Forza Italia in Puglia - La Repubblica
  • 18/10/2018 20:32 Strada dei Parchi, limitazioni su 87 viadotti ispezionati - ANSA.it
  • 18/10/2018 21:07 Terremoto nel golfo di Policastro, avvertito a Sapri e Maratea - Il Messaggero
  • 18/10/2018 17:48 Milano, in fiamme palazzina a Quarto Oggiaro: appartamenti distrutti e famiglie evacuate - La Repubblica
  • 18/10/2018 15:42 Sfollati del Morandi, la giornata dei primi rientri: «Due piante per ricominciare» - Il Secolo XIX
venerdì 19 ottobre 2018
-

Giovedì, 19 Luglio 2018

Automobilisti e fauna selvatica: parte la sperimentazione segnaletica

Un nuovo approccio per richiamare l'attenzione sul pericolo degli attraversamenti improvvisi. Con la collaborazione del Servizio Gestione strade, dell’Agenzia Provinciale delle foreste demaniali, del MUSE e del WWF Trentino, è stato elaborato dal Servizio Foreste e fauna della Provincia autonoma di Trento un progetto sperimentale per la realizzazione e la messa in opera di sagome di fauna selvatica a bordo strada, nel territorio della provincia di Trento.

Le prime sagome realizzate raffigurano un capriolo maschio con dimensioni e colore naturali, sono realizzate in corten e posizionate in siti soggetti a frequenti attraversamenti di animali selvatici, soprattutto ungulati ma anche orsi. Le sagome, per adesso in numero di quattro, sono state posizionate due tra Vezzano e Vigolo Baselga e altre due nel tratto di strada di Nembia, tra S. Lorenzo in Banale e Molveno.

Lo scopo è quello di ricordare, in maniera immediata e diretta, la presenza di fauna selvatica in quelle zone, la relativa possibilità di attraversamento, il conseguente rischio legato a possibili collisioni e l’opportunità di rallentare e prestare attenzione.

L’uso di sagome rappresentanti specie di fauna selvatica è un tipo di segnaletica già in uso in altri paesi europei, come per esempio la Slovenia e l’Austria.

Gli esiti della sperimentazione saranno verificatinel prossimo futuro e potranno preludere ad ulteriori installazioni di sagome di fauna selvatica in altri siti particolarmente soggetti ad attraversamento di animali nel territorio provinciale.

Qualche dato di contesto: la media degli investimenti che riguardano animali selvatici è di circa 800 all'anno. 650 circa riguardano cervi e caprioli, le altre specie più coinvolte sono la volpe e il tasso. Nel territorio della provincia di Trento sono presenti circa 75.000 ungulati.