Sommario

  • 17/08/2018 23:00 This RSS feed URL is deprecated
  • 17/08/2018 20:19 Genova, si cercano 5 dispersi. Conte avvia la procedura di revoca della concessione ad Autostrade - Rai News
  • 17/08/2018 17:50 Crollo ponte a Genova, Mastella chiude il 'Morandi' di Benevento - La Repubblica
  • 17/08/2018 21:50 Claudio Lolli morto, il cantautore aveva 68 anni - Il Fatto Quotidiano
  • 17/08/2018 20:33 TERREMOTO MOLISE, M 5.1 A MONTECILFONE/ Ultime notizie, nuova scossa M 2.6: la terra continua a tremare - Il Sussidiario.net
  • 17/08/2018 19:03 MALTEMPO E NUBIFRAGIO A ROMA: ALBERI CADUTI E GRANDINE/ Ultime notizie video: allagamenti e linee bus ... - Il Sussidiario.net
  • 17/08/2018 16:48 Caso Diciotti, l'Europa pronta a dare sostegno all'Italia ma Salvini vieta lo sbarco a Lampedusa - La Repubblica
  • 17/08/2018 20:05 "Vai via negro", poi preso a sprangate - ANSA.it
  • 17/08/2018 10:44 Ragazza 17enne interrompe Salvini a Pontida: “Fascista”. Lui: “Ti offro una birra” - La Stampa
  • 17/08/2018 20:00 Genova, così il ponte Morandi “poggia” sulle case sottostanti - La Stampa
  • 17/08/2018 11:26 Furto a casa dei genitori di Salvini - ANSA.it
venerdì 17 agosto 2018
-

Giovedì, 19 Luglio 2018

Automobilisti e fauna selvatica: parte la sperimentazione segnaletica

Un nuovo approccio per richiamare l'attenzione sul pericolo degli attraversamenti improvvisi. Con la collaborazione del Servizio Gestione strade, dell’Agenzia Provinciale delle foreste demaniali, del MUSE e del WWF Trentino, è stato elaborato dal Servizio Foreste e fauna della Provincia autonoma di Trento un progetto sperimentale per la realizzazione e la messa in opera di sagome di fauna selvatica a bordo strada, nel territorio della provincia di Trento.

Le prime sagome realizzate raffigurano un capriolo maschio con dimensioni e colore naturali, sono realizzate in corten e posizionate in siti soggetti a frequenti attraversamenti di animali selvatici, soprattutto ungulati ma anche orsi. Le sagome, per adesso in numero di quattro, sono state posizionate due tra Vezzano e Vigolo Baselga e altre due nel tratto di strada di Nembia, tra S. Lorenzo in Banale e Molveno.

Lo scopo è quello di ricordare, in maniera immediata e diretta, la presenza di fauna selvatica in quelle zone, la relativa possibilità di attraversamento, il conseguente rischio legato a possibili collisioni e l’opportunità di rallentare e prestare attenzione.

L’uso di sagome rappresentanti specie di fauna selvatica è un tipo di segnaletica già in uso in altri paesi europei, come per esempio la Slovenia e l’Austria.

Gli esiti della sperimentazione saranno verificatinel prossimo futuro e potranno preludere ad ulteriori installazioni di sagome di fauna selvatica in altri siti particolarmente soggetti ad attraversamento di animali nel territorio provinciale.

Qualche dato di contesto: la media degli investimenti che riguardano animali selvatici è di circa 800 all'anno. 650 circa riguardano cervi e caprioli, le altre specie più coinvolte sono la volpe e il tasso. Nel territorio della provincia di Trento sono presenti circa 75.000 ungulati.